Certificazione Unica ai nastri di partenza. Prevista una sanzione di 100 euro per ciascuna certificazione non trasmessa o trasmessa con dati inesatti

Con la pubblicazione dei software di compilazione e di controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate, entra nel vivo la nuova “Certificazione unica” (Cu), il modello approvato con provvedimento del 15 gennaio e che, da quest’anno, prende il posto del tradizionale Cud e delle certificazioni “libere” relative ai redditi di lavoro autonomo, a quelli “diversi” e alle provvigioni.

Da quest’anno i sostituti d’imposta dovranno rilasciare il modello Cu 2015, entro il 28 febbraio, a coloro che hanno percepito nel 2014 somme e valori soggetti a ritenuta. La novità, invece, si rinviene:

  1. Nell’obbligo di trasmissione telematica di tali documenti all’Agenzia delle entrate entro il 7 marzo (quest’anno, poiché la scadenza coincide con un sabato, si provvederà entro il primo giorno lavorativo successivo, quindi il 9, come indicato in apertura);
  2. Nell’esistenza di una specifica sanzione di 100 euro per ciascuna certificazione non trasmessa o trasmessa con dati inesatti (salvo rimedio entro i 5 giorni), peraltro non riducibile con il meccanismo del cumulo. Ciò sta a significare che se ometto 10 certificazioni, mi vengono addebitati 1.000 euro di sanzione.

Non si tratta di indicare pochi dati, bensì è una sorta di compilazione anticipata del modello 770, con tanto di causali che contraddistinguono le prestazioni, caselle per specifiche casistiche, ecc. Inoltre, vanno censite anche le somme corrisposte ai soggetti che applicavano il regime delle nuove iniziative produttive e dei minimi per le quali non c’è stata applicazione di ritenuta. Inoltre, la nuova Certificazione Unica dovrà essere trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrate anche da parte di coloro che hanno corrisposto compensi per attività sportiva dilettantistica.

Pertanto, poiché conviene attivarsi per tempo al fine di programmare una parte di lavoro aggiuntivo per questo adempimento, verificare l’esatto inserimento dei dati richiesti, Vi invitiamo a fornire allo Studio tutte le informazioni e la documentazione contabile utili entro e non oltre lunedì 23 febbraio 2015.