CINQUE PER MILLE ANNO 2016

Tutto pronto per l’avvio della campagna cinque per mille 2016. L’istituto è stato messo a regime dalla Legge di Stabilità 2015 (articolo 1, comma 154, legge 190/2014), trasformandosi da beneficio provvisorio, riproposto di anno in anno da specifiche norme, in una forma permanente di finanziamento di settori di rilevanza sociale.

Dal 31 marzo si è aperto il canale telematico messo a disposizione dalle Entrate per gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche, che avranno tempo fino al 9 maggio (il 7 maggio è sabato) per inviare la domanda di iscrizione.

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 13/E del 26 marzo 2015, fornisce agli interessati le necessarie informazioni, per l’anno in corso e per i successivi, su cosa, come e quando fare per accedere al riparto del cinque per mille. Di seguito, in breve riassunto della circolare.

SOGGETTI BENEFICIARI

  • Organizzazioni non lucrative di utilità sociale iscritte nell’Anagrafe delle Onlus, compresi gli enti che svolgono attività nel settore della cooperazione allo sviluppo e solidarietà internazionale;
  • Enti ecclesiastici delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese e le associazioni di promozione sociale le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal ministero dell’Interno, iscritti all’Anagrafe come Onlus parziali, limitatamente cioè alle attività svolte con finalità di solidarietà sociale;
  • Organizzazioni di volontariato iscritte nei registri previsti dalla legge 266/1991;
  • Organizzazioni non governative (vedere paragrafo successivo) già riconosciute idonee alla data del 29 agosto 2014 e inserite nell’elenco tenuto dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale;
  • Cooperative sociali iscritte all’albo nazionale delle società cooperative e consorzi di cooperative con base sociale formata al 100% dalle stesse cooperative sociali;
  • Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali;
  • Associazioni e fondazioni di diritto privato, iscritte nel registro delle persone giuridiche, che operano senza fine di lucro nei settori di attività delle Onlus (articolo 10, comma 1), lettera a), Dlgs 460/1997);
  • Associazioni Sportive Dilettantistiche (vedere paragrafo successivo).

ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE

Per quanto riguarda la categoria degli enti del volontariato, si forniscono alcuni chiarimenti in merito all’ammissibilità al beneficio del cinque per mille delle organizzazioni non governative a seguito delle modifiche apportate alla disciplina della cooperazione internazionale allo sviluppo dalla legge 11 agosto 2014, n. 125.

Come chiarito dalla risoluzione n. 22/2015 le ONG riconosciute idonee ai sensi della legge 49/1987, che fino all’esercizio 2014 sono state incluse tra i destinatari del cinque per mille in quanto Onlus di diritto, per mantenere la qualifica a seguito delle mutate disposizioni normative (e, quindi, continuare, tra l’altro, ad accedere al beneficio del cinque per mille), devono presentare istanza di iscrizione all’Anagrafe delle Onlus, senza necessità di adeguare gli statuti o gli atti costitutivi ai requisiti previsti dall’articolo 10 del Dlgs 460/1997.

La stessa risoluzione ha chiarito che le anzidette organizzazioni, a seguito della richiesta di iscrizione, costituiscono nell’ambito dell’Anagrafe unica delle ONLUS una particolare categoria “ad esaurimento” e mantengono le agevolazioni fiscali previste per le ONLUS, nonché la possibilità di accedere al beneficio del cinque per mille dell’Irpef e di ricevere erogazioni liberali deducibili e/o detraibili in capo ai soggetti eroganti. L’articolo 32, comma 7, citato contiene, altresì, al secondo periodo una norma di carattere transitorio secondo la quale “per i primi sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge ovvero fino al momento dell’avvenuta iscrizione, rimangono validi gli effetti del riconoscimento dell’idoneità concessa ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49” dal Ministero degli Affari Esteri (ora Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale). Questa ultima previsione consente alle organizzazioni non governative già riconosciute idonee ai sensi della legge n. 49, alla data del 29 agosto 2014, e inserite nell’elenco tenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale di continuare ad accedere al beneficio del cinque per mille anche prima dell’iscrizione nell’Anagrafe delle ONLUS.

L’erogazione del contributo avverrà una volta accertata l’avvenuta iscrizione.

ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

a)        Costituzione ai sensi dell’art. 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289;

b)        Possesso del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal CONI;

c)         Affiliazione ad una Federazione sportiva nazionale o ad una disciplina sportiva associata o ad un ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI;

d)        Presenza nell’ambito dell’organizzazione del settore giovanile;

e)        Effettivo svolgimento in via prevalente di attività di avviamento e formazione allo sport dei giovani di età inferiore a 18 anni, ovvero di avviamento alla pratica sportiva in favore di persone di età non inferiore a 60 anni, o nei confronti di soggetti svantaggiati in ragione delle condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari.

DOMANDA DI ISCRIZIONE

La domanda di iscrizione deve essere presentata, annualmente, relativamente a ciascun esercizio finanziario per il quale viene richiesta l’ammissione al beneficio.

La domanda va trasmessa all’Agenzia delle entrate, esclusivamente in via telematica. La domanda può essere presentata dalla data di apertura del canale telematico fino al termine del 9 maggio.

 

 

PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, attestante il possesso dei requisiti che danno diritto al contributo, con allegata copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del rappresentante legale che sottoscrive la domanda di iscrizione, deve essere presentata entro il 30 giugno di ciascun esercizio finanziario per il quale è stata presentata la domanda di iscrizione.

Gli enti del volontariato possono trasmetterla alla competente Direzione Regionale delle Entrate con raccomandata a.r. o https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-en-ligne-quebec/ tramite posta elettronica certificata.

Le associazioni sportive dilettantistiche devono trasmettere la dichiarazione sostitutiva all’ufficio del Coni nel cui ambito si trova la sede legale.

SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI

Immagine 2